Marocco 2016

90

Il primo vero viaggio di MotoTaccuino.
Spinti dalle immagini della Parigi-Dakar e da tutte le idee che ci sono balenate in
mente dallo scorso viaggio, puntiamo all’Africa. L’idea è quella di essere
viaggiatori attenti ai popoli che visitano e che il nostro strumento sarà la
beneficienza. Troviamo più realtà a cui possiamo dare un apporto positivo ma ci
vediamo costretti a sceglierne 2, entrambe in territorio Sahariano.
Creiamo un autofinanziamento che ci permetterà di portare il nostro contributo in
terra marocchina, e i risultati si vedono, anche se i nostri sono metodi risultano un
po’ arretrati e poco inclini alla tecnologia: ci si incontra di persona e si consegna la
donazione tramite un’anonima bustina bianca.
Ci mettiamo mesi a preparare le motociclette, adattandole a noi e al tipo di
viaggio. Sono vecchie, entrambe più che ventenni, ma sono le moto giuste, ce lo sentiamo. Le rendiamo facili da aggiustare, le studiamo in modo da localizzare i problemi qualora si presentassero. E si presenteranno, eccome…
Conosciamo persone splendide, vediamo paesaggi lunari e fantastici, andiamo da
un caldo estremo ad un freddo altrettanto profondo, ma le nostre ruote percorrono
i km marocchini consapevoli delle missioni da portare a termine.
Qualche mese dopo il viaggio, visto il tanto seguito avuto sui social, decidiamo di condividere quest’avventura scrivendo un libro, del quale paghiamo personalmente la stampa. Al netto dei costi, ogni singolo centesimo ricavato sarà destinato ai progetti di MotoTaccuino. Questa diventerà la nostra caratteristica principale, non vogliamo avere costi di gestione ma donare il 100% di ciò che raccogliamo e, non avendo sovrastrutture, ci riusciamo.

Siamo due ragazzi giovani, che decidono di viaggiare, per conoscere il mondo.
Viaggeremmo comunque, quindi possiamo destinare tutti i centesimi ai progetti di
cui ci innamoriamo. È bello vedere quanti si fidano di noi, anche persone che non
ci conoscono direttamente. Ci mettiamo la faccia, siamo trasparenti,
documentiamo tutto, dalle fasi precedenti la partenza, sino al termine delle
missioni. Le idee viaggiano veloci e dentro il casco rimbombano talmente forti che
non le si può non considerare.

E già al rientro dal Marocco iniziamo a pensare al futuro… nel mentre, era appena
nato MotoTaccuino.