Mototaccuino al DGR Cagliari 2018

291

Tempo di lettura 2 minuti

Dietro le proprie visiere, nascosti dietro gli occhialoni, immersi nel proprio casco, i motociclisti guardano il mondo esterno dal loro sicuro punto di vista. Prima di salire in moto ogni motociclista si veste seguendo dei riti come fosse la vestizione ai tempi dei cavalieri, con la consapevolezza anche di come verrà visto dagli altri, motociclisti e non. Il Distinguished Gentleman’s Ride, noto ai più come DGR, cavalca gli sguardi dei non motociclisti, ed esaltando il lato da “Gentelman” dei centauri moderni, vestendo orde di sorridenti piloti di abiti eleganti. Anche il mood è obbligatorio, un vero gentiluomo ha modi eleganti, educati e gentili, banditi quindi coloro che fanno inutilmente urlare il motore, quelli che anziché due ruote ne usano solo una, quelli che hanno abbastanza pneumatici da potersi permettere i burnout, avranno altre occasioni per sfoderare i loro talenti.
Al DGR l’ingrediente principale è la beneficenza. E quando al calderone si aggiungono convivialità, uno splendente sole estivo, due esibizioni musicali live che permettono di ballare e cantare con stile vintage, allora, la ricetta prende forma, e porta in giro per la città più di 150 mezzi a due ruote, che in corteo si fanno notare, mostrando che esistono i motociclisti buoni, e contagiano anche chi le due ruote non le guida, ma che resta ammaliato dall’evento e condivide spazi e pranzo con gli eleganti cavalieri del nuovo millennio.
Noi di Mototaccuino ci siamo spesi, consci di dover “restituire” qualcosa per gli anni vissuti da semplici partecipanti. Abbiamo raccontato i nostri progetti, vissuto nella piccola famiglia che si crea in questa giornata, mostrato le nostre sporche motociclette ma anche i nostri bei visi, sorridenti, anche se necessitavano di manutenzione del barbitonsore, anche questo vintage.
Già iniziamo a pensare all’anno prossimo, ci siamo fissati l’appuntamento nel calendario. Fatelo anche voi, e scoprirete il lato buono del mototciclismo!

Ringraziamo per la foto Giulia Cannas, del team di Asphalt&Gravel, e Damiano (Vintage Cafè Cagliari) proprietario della moto ritratta